Associazione Aurora - Ricerca del Benessere - APS | CF: 93266900237 | Tutti i diritti sono riservati.

Pillole di Cultura: Giornata Internazionale della Nonviolenza

Pillole di Cultura – 2 ottobre 2017 – Giornata Internazionale della Nonviolenza

La data di nascita del Mahatma Gandhi non poteva che fare da contraltare a questa splendida giornata istituita dall’Assemblea delle Nazioni Unite per il 2 Ottobre di ogni anno.

Una giornata dedicata ad un modo differente di approcciarsi ai conflitti che rifiuta la violenza opponendovi di contro una resistenza pacifica. E’ una forma di lotta ma anche al tempo stesso un modo per trascendere qualsiasi conflitto interiore.

La non violenza assoluta è assenza assoluta dal recar danno ad ogni essere vivente. La non violenza, nella sua forma attiva, è buona disposizione per tutto ciò che vive. Essa è perfetto amore.

Mahatma Gandhi

E come non ricordare il Manifesto 2000 per la Cultura della Pace e della Nonviolenza elaborato da un gruppo di vincitori del Premio Nobel per la pace, che si sono incontrati a Parigi per il 50° anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani?

Riconoscendo la mia parte di responsabilità per il futuro dell’umanità, in particolare per i bambini di oggi e delle future generazioni, mi impegno nella mia vita quotidiana, in famiglia, sul lavoro, nella mia comunità, nel mio paese e nella mia regione a:

1. rispettare la vita e la dignità di ogni persona, senza discriminazioni o pregiudizi;

2. praticare la Nonviolenza attiva, rifiutando la violenza in tutte le sue forme: fisica, sessuale, psicologica, economica e sociale, in particolare nei confronti di chi è più deprivato e vulnerabile, come i bambini e gli adolescenti;

3. mettere a disposizione parte del mio tempo e delle mie risorse materiali con uno spirito di generosità, per porre fine all’esclusione, all’ingiustizia e all’oppressione politica ed economica;

4. difendere la libertà di espressione e la diversità culturale, scegliendo sempre il dialogo e l’ascolto piuttosto che il fanatismo, la diffamazione e il rifiuto degli altri;

5. promuovere un comportamento responsabile da parte dei consumatori e delle pratiche di sviluppo che rispettino tutte le forme di vita e preservino l’equilibrio naturale del pianeta;

6. contribuire allo sviluppo della mia comunità, con la piena partecipazione delle donne e il rispetto per i principi della democrazia, con l’obiettivo di creare insieme nuove forme di solidarietà.

Segnaliamo a Verona La Casa per la Nonviolenza: per conoscere meglio questo ente, potete visitare il sito http://nonviolenti.org/cms/movimento-nonviolento/sedi/verona/

 

Il sentiero della nonviolenza richiede molto più coraggio di quello della violenza.

Gandhi