Associazione Aurora - Ricerca del Benessere - APS | CF: 93266900237 | Tutti i diritti sono riservati.

Le persone

Martina

Martina Bocchi, nata a Verona il 28 Ottobre 1988. Laureata all’Università degli Studi di Padova prima in Scienze Psicologiche dello Sviluppo e dell’Educazione e poi in Psicologia Clinico Dinamica. Abilitata come Psicologa e iscritta all’Albo degli Psicologi del Veneto (n. 9713). Attualmente in formazione come Psicoterapeuta presso la Scuola di Psicoterapia SSPC-IFREP con sede di Mestre.

Negli anni dell’università ha acquisito esperienza nell’ambito della psichiatria e della psicologia clinica, in particolare all’interno del Dipartimento di Salute Mentale delle Ulss 20 e 21. Attualmente lavora a Verona come coordinatrice presso la Cooperativa Sociale “Cercate” e privatamente come psicologa e come terapista ABA nell’ambito dell’autismo sotto la supervisione di consulenti e analisti del comportamento BCBA. Da sempre si interessa alla psicologia dell’essere umano e crede che le differenze individuali siano una risorsa da valorizzare. Spera nella conciliazione tra le discipline volte al benessere.

Vuole portare ad Aurora il rispetto per le preferenze e le attitudini personali, la collaborazione attiva tra figure diverse aventi come focus comune i risultati e la stimolazione creativa delle personali scelte e strade.


Luceluce

Alessandra Luce Menegatti, nata nei pressi di Verona il 28 Agosto 1979, diplomata ragioniere e attualmente iscritta alla Facoltà di Lettere presso l’Università degli Studi di Verona.
E’ un’anima che non ama molto le definizioni. Si interessa di neopaganesimo e paganesimo antico da molti anni con speciale riguardo per la guarigione spirituale. Co-fondatrice della rivista Pimalaya ma anche molto attiva nel mondo neopagano. Nello specifico, con altre realtà neopagane, si è occupata fra gli altri anche dei seguenti progetti:
Nell’ambito di Facebook, e in collaborazione con altre realtà, si occupa anche dei seguenti gruppi: Bacheca Pagana (dedicata ai “cerco-scambio-compro” fra pagani), Hermes’street (pagine gialle pagane), Biblioteca Pagana d’Alessandria (per scambiarsi informazioni sui libri pagani di tutte le tradizioni), Creativi Neopagani Uniti (per far conoscere l’artigianato a tema pagano).
Ha inoltre pubblicato un libro di poesie intitolato “Virgo Gravida” e, in quanto co-curatrice, un libro intitolato “Le vere origini di Halloween” edito da Anguana Edizioni.
Ad Aurora vorrebbe portare una visione più ampia della spiritualità e della bellezza delle cerimonie antiche, una particolare attenzione alla guarigione dell’anima anche attraverso un approccio artistico e poetico.

15226632_10211181717688885_698155837_n

Mariana

Per gli amici “Balby”, Mariana De Biase, nata l’1 Febbraio 1989 a Mugnano di Napoli (NA) ma veronese d’adozione, è dottoressa magistrale in Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione. Persona con balbuzie sin dai primi anni di vita, è stata spinta allo studio e alla ricerca scientifica delle caratteristiche che hanno caratterizzato la sua patologia anche nel personale percorso di studio. Durante la sua carriera universitaria è stata infatti tirocinante accademica e professionalizzante presso l’ISTC (Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione) del CNR (sede di Padova), occupandosi di balbuzie sia in ottica clinica che di ricerca. Ideatrice e curatrice (con la supervisione del dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione di Padova) del “Progetto Balbuzie“, volto alla sensibilizzazione della patologia sul territorio di Verona e provincia.

Appassionata dell’età dello sviluppo e studiosa di autismo, lavora da quattro anni come terapista ABA, sotto la supervisione di consulenti e analisti del comportamento BCBA. Predilige gli interventi domiciliari per essere a stretto contatto con le famiglie aventi un bambino con disabilità, unico modo “per conoscerli e aiutarli nel concreto, oltre qualsiasi laurea o formazione”. Intende proseguire la sua formazione con l’iscrizione al Master ABA di secondo livello.

Vuole donare ad Aurora la sua professionalità senza tralasciare la solarità e l’autoironia che contraddistinguono la sua vita, occupandosi dei più piccoli e delle loro famiglie.