Associazione Aurora - Ricerca del Benessere - APS | CF: 93266900237 | Tutti i diritti sono riservati.

Aurora: la favola

Il progetto si concretizza con l’apertura del sito internet il 22 Marzo 2016 alle 00:35, durante la notte dell’Equinozio di Primavera.

L’Equinozio di Primavera nei secoli è sempre stato un momento magico: le ore di luce e di ombra si equilibrano, ma il tempo incalza per spingere l’avvento della potente luce estiva. La Primavera del 2016 ci porta Aurora – Centro Benessere Psicologico, Associazione che vuole essere, guarda caso, “Primavera” per la gente.

Ma il vero principio di Aurora è da collocare in un pomeriggio di molti, molti, molti anni prima…


Quella che oggi è la Dottoressa Bocchi, al tempo Dottoressa certo non era. Martina era una semplice studentessa, studentessa come tante altre, giovane come tante altre, come tante altre ottimista e determinata, desiderosa di rendersi utile per il mondo. Un’universitaria comune. La Psicologia era già da allora la sua passione.

Il suo più caro amico, spalla in ogni pazza iniziativa volta alla scoperta del sè, Renè, era un curioso ragazzo iscritto alla facoltà di Antropologia, un musicista. Interessato alla natura, interessato alla cultura, interessato alla gente… uno di quei ragazzi che sorprende perchè dice che ama ascoltare gli anziani parlare.

Insieme erano una grande coppia. Quanti pomeriggi passati a confrontare le teorie più svariate sui temi più svariati. Lei parlava del funzionamento della psiche: <<Perchè la teoria dei tratti dicono sia alla base della personalità… >>. Lui parlava dell’origine delle culture, del fatto che l’antropopoiesi ci fa capire come la cultura con i suoi rituali plasma l’individuo e… <<L’antropopo-chè?!>>.

Poi c’era Luce. Luminosa, ricca di saperi e dispendiosa di speranza. Dalla spiritualità fertile, la curiosità di una bambina, la vitalità dell’estate. Una di quelle amiche sulle quale si può davvero contare. Una di quelle con le quali restare a parlare di sè e delle proprie proiezioni di fronte ad una tazza di tè, accopagnandosi con i simboli dalla storia infinita quanto i secoli.

Una cosa di certo questi tre l’avevano in comune: tramite gli studi e le esperienze, la possibilità e la voglia di migliorare se stessi per sentirsi sempre più soddifatti, sereni, felici. Stare bene. Pienamente. Con soddisfazione.

E Martina le idee le aveva proiettate ancora più in là: unendo l’esperienza personale e la professionalità di diverse figure, offrire occasioni per aiutare la gente a scoprire se stessa e trovare gli strumenti per modellare la propria personalità e migliorare la propria vita.

Non poteva che mancare un ultimo pezzo a questo incredibile ingranaggio: Mariana. Determinata e solare, ottimista come poche, una di quelle ragazze che riescono a vedere positivamente anche le sfortune più antipatiche, una che affronta le difficoltà con sana leggerezza, autoironia e amore per i suoi sogni.

Un ingranaggio perfetto…

…che non riusciva però ad attivarsi.

Passano gli anni, nessuno ha abbastanza tempo energie e risorse per Aurora. Martina consegue la laurea triennale. Renè inzia a lavorare. Luce lavora, ma vorrebbe iscriversi a lettere… come fare. Mariana poi… chi è Mariana?! Il tempo scarseggia. Le priorità sono altre. Meglio abbandonare il superfluo. Le idee non concretizzabili. Meglio lavorare, dopotutto c’è crisi… si chiacchiera, si sogna… ma infondo siamo giovani. Ma Aurora era davvero solo di un progetto giovanile?

<<Cercare i piccoli bruchi che vogliono trasformarsi in farfalle. Ecco cosa faremo.>>

No. Vicina al conseguimento della laurea specialistica, la quasi Dottoressa Bocchi non si dà per vinta. Il seme dell’idea, posto nella sua mente -e nel suo cuore-, con irruenza germina pretendendo se stesso: studiare, impegnarsi, andare oltre le apparenze, inventare e reinventarsi, tutto al fine di far dischiudere dalla sua crisalide la farfalla chiamata Aurora.

La farfalla nei secoli è stata da sempre associata all’anima. L’etimologia della parola psicologia non è altro che psychè-logos, ossia studio dell’anima. Per la sua stessa natura, la farfalla è un simbolo associato alla crescita e alla rinascita (bruco, crisalide, farfalla) e per i Romani era considerata legata al sole. Inoltre, esiste una specie di farfalla chiamata Aurora: il lepidottero Anthocharis Cardamines. L’obbiettivo e il simbolo che lo rappresentava non poteva essere più chiaro: creare un centro, un’associazione. Nel frattempo Martina e Mariana si conoscono e iniziano ad unire le loro vite sia personalmente che professionalmente.

In una fredda giornata di ottobre, Luce incontra Martina per parlare del progetto. Luce è gioiosa e materna, generosa e accogliente, quasi in contrasto con quel periodo dell’anno in cui le giornate sacrificano, giorno dopo giorno, un po’ della loro luce per fare spazio alle fredde ombre dell’Inverno. Luce scopre il tatuaggio che porta sulla schiena: un simbolo rappresentante l’aurora, la guarigione e l’insegnamento per la comunità nativa-americana. Un altro passo utile. Poco dopo Mariana, collega, diventata ormai grande amica, abbraccia il progetto, irresistibile per lei questo comune sogno, e la strada inzia ad essere percorsa in tre.

Schermata 2016-07-21 alle 02.41.54

Le tre ragazze si rimboccano le maniche e, come le tre fatine de “La bella addormentata nel bosco” (chi non l’ha visto?!?), si danno da fare come possono: << All’Associazione serve un vestito! >>

Aurora si veste con il suo codice fiscale il 17 maggio 2016. Il 1 giugno 2016 viene registrata. Si pagano i bollettini, le varie spese (uff! Quante spese!!). E poi….

E poi?!

Si ferma nuovamente il volo della fragile farfalla.

Mariana si sposa. I preparativi, gli inviti, conciliare il tutto con un lavoro che lascia davvero poco tempo per altro. E poco tempo resta anche per la femminea associazione di nuova venuta.

Solo a metà Luglio le tre ragazze riprendono in mano i loro sogni e il loro progetto. E stavolta ci danno dentro. Ci danno dentro davvero!

[…To be continued…]


Perchè la farfalla nell’aurora?

La farfalla nei secoli è stata da sempre associata all’anima. L’etimologia della parola psicologia non è altro che psychè-logos, ossia studio dell’anima. Per la sua stessa natura, la farfalla è un simbolo associato alla crescita e alla rinascita (bruco, crisalide, farfalla). Inoltre, esiste una specie di farfalla chiamata Anthocharis Cardamines (Linnaeus, 1758), detta… Aurora.

antrocaris farfalla aurora